Dati per un mondo più giusto

Foto di gruppo con membri del team di CommunityX

Dati per un mondo più giusto

Da siti come Facebook riceviamo ogni sorta di contenuti e ci mettiamo in contatto con persone di ogni tipo. CommunityX, invece, è una piattaforma incentrata su tematiche e connessioni volte a rendere il pianeta un posto migliore. Il sito consente agli attivisti di trovare persone con idee e obiettivi simili per portare avanti cambiamenti sociali in una moltitudine di ambiti.

Dopo aver installato l’applicazione, l’utente indica cinque temi di suo interesse, per esempio le politiche climatiche, i diritti delle donne o gli abusi delle forze dell’ordine. In seguito l’algoritmo di CommunityX presenta persone e organizzazioni che si impegnano sugli stessi fronti. Se manca una rivendicazione, si può proporne l’aggiunta.

CommunityX non è però un progetto esclusivamente virtuale: organizza anche un Social Impact Summit. La prima edizione della conferenza si è tenuta l’autunno scorso e sono previsti incontri a un ritmo annuale.

Per creare CommunityX, Chloë Cheyenne Rogers ha rinunciato al suo posto fisso da Google. È stata una delle decisioni più difficili, come afferma in un’intervista. Molto toccata dal tema people of color, che secondo lei veniva trascurato presso il gigante tecnologico, ha infine deciso di compiere il grande passo di lasciare il lavoro.

Durante il primo ciclo di finanziamento per CommunityX, la fondatrice si è rivolta unicamente a persone di colore. Tutte le persone che hanno contribuito erano di origini afroamericane, salvo una finanziatrice pakistana. Per Rogers è stato un segnale molto importante per il lancio del suo progetto.

Nel 2019 la giovane imprenditrice ha convinto altri investitori a sostenerla. Al Forbes Under 30 Summit è riuscita a ottenere il favore della giuria e ha incassato 250’000 dollari per lo sviluppo dell’impresa. L’intenzione è di usare questi fondi per aumentare gli effettivi e investire negli aspetti tecnici. Tra le altre cose è prevista l’introduzione di una funzione di crowdfunding.

Foto di Erik Finman sdraiato con una banconota da 100 dollari in bocca

Tanghero fuori, benefattore dentro

Sui social media il milionario in bitcoin Erik Finman ama presentarsi come uno spaccone ricco sfondato. Ma dietro alla facciata provocatoria di questo diciannovenne c’è un nobile intento.