Funghi commestibili che si nutrono di plastica!

Foto di una donna che mangia un bicchiere di fungo

Funghi commestibili che si nutrono di plastica!

Gli scienziati hanno trovato una nuova idea per affrontare il problema della plastica: un sistema che trasforma i nostri rifiuti in un prodotto commestibile e senza rischi per la salute umana. Ciò è dovuto all’impiego di due varietà di funghi in grado di digerire i polimeri senza produrre sostanze nocive durante il processo.

La designer austriaca Katharina Unger e la sua squadra hanno creato il cosiddetto Fungi Mutarium (vedi immagine qui sotto), che accelera la crescita dei funghi grazie ai giusti fattori ambientali (temperatura, umidità) e in tal modo favorisce la colonizzazione fungina della plastica.

Foto del Fungi Mutarium

È un’idea che può sembrare balorda, eppure va presa in considerazione se noi umani vogliamo impedire che entro il 2050 gli oceani contengano più plastica che pesci. Benché vi siano anche altre idee su come smaltire e riciclare la plastica, quella del Fungi Mutarium è particolarmente promettente, poiché non genera derivati nocivi come per esempio il CO2, bensì una materia commestibile.

Il Pleurotus ostreatus – anche noto come orecchione o fungo ostrica – e lo Schizophyllum commune sono in grado di degradare i polimeri e inoltre sono funghi piuttosto diffusi. L’apparecchiatura è formata da una serie di bicchieri fatti di agar-agar, amido e zucchero, che possono essere alimentati con plastica. Poi, si aggiunge il micelio, ossia la «radice» del fungo, e così può cominciare la colonizzazione.

Dopo qualche mese, il fungo avrà decomposto la plastica e quello che rimane è un bicchierino di agar-agar ripieno di funghi. Poiché il progetto non è ancora stato presentato in una fase avanzata di ricerca, ci vorrà ancora un po’ di tempo prima che sia accessibile a tutti. Katharina Unger si augura comunque di aver gettato le basi per un sistema alternativo per lo smaltimento della plastica.

Immagine di Pantera Nera, Batman e Iron Man in stile fumetto

E il supereroe più ricco è…

I creatori di personaggi fittizi di libri, film, serie e videogiochi spesso non li hanno dotati soltanto di superpoteri, ma anche di ricchezze inaudite.