Milioni per microrobot

Un bionauta accanto a una moneta da 1 centesimo di dollaro 

Milioni per microrobot

Durante vari anni il team diretto da Michael Shpigelmacher e Aviad Maizels ha lavorato per così dire in incognito. La presentazione al pubblico era prevista solo una volta che ci fossero sufficienti dati sulla sicurezza e l’efficacia del prodotto, ha detto Shpigelmacher in un’intervista. A marzo 2021 è arrivato il grande momento.

I bionauti sono microrobot che vengono iniettati nella spina dorsale e poi telecomandati attraverso il corpo grazie a un campo magnetico. La meta è il cervello dove, ricevuto un segnale magnetico, il bionauta rilascia farmaci in un punto definito, prima di poter tornare da dov’è venuto. 

Un grande vantaggio dei bionauti è che permettono di somministrare i farmaci esattamente nel punto giusto. I principi attivi non devono quindi circolare attraverso il corpo intero attraverso il sistema circolatorio come solitamente succede oggi. Inoltre, i bionauti possono essere sviluppati secondo i bisogni, variandone per esempio le dimensioni, la capacità e la struttura superficiale.

Le ricerche condotte finora da Shpigelmacher e Maizels si sono concentrate su malattie gravi del sistema nervoso, in particolare il Parkinson e il glioma del tronco encefalico. Quest’ultimo è una forma di tumore molto difficile da curare, che colpisce soprattutto i bambini e i giovani adulti.

In primavera, la startup era già riuscita a ottenere 20 milioni di dollari di capitale da diverse imprese. Bionaut intende usare questi fondi per testare l’efficacia dei microrobot su animali di grossa taglia e in seguito, nel quadro di studi clinici, anche nell’uomo. L’inizio degli studi clinici è previsto per il 2023.

Piante di soia

Ciaone, soia!

La startup inglese Deep Branch intende rivoluzionare l’industria dei foraggi e al contempo agire contro il riscaldamento climatico.