Modello commerciale: il dolore

Foto di Coyote Peterson

Modello commerciale: il dolore

Nathaniel «Coyote» Peterson ha studiato cinema, ma ha in seguito lavorato a lungo in un’impresa di articoli per stampanti. I copioni che scriveva nel tempo libero non sono purtroppo mai diventati film. Forse anche perché aveva avuto sin da piccolo uno spirito avventuriero, un giorno gli è venuta l’idea di uno spettacolo sulla natura selvaggia.

Doveva essere un programma divertente, ma anche educativo. I primi video di Brave Wilderness pubblicati sul suo canale Youtube mostravano per esempio l’impressionante testuggine azzannatrice, spiegandone l’anatomia. Le puntate successive non andarono male, ma neanche particolarmente bene.

Poi, mentre girava un episodio sull’istrice, fu folgorato dall’idea di farsi pungere e di spiegare la giusta tecnica per rimuovere gli aculei (vedi screenshot). Nessuno infatti sa bene come procedere quando una persona o magari il proprio cane viene punto. Il video è stato un successo.

Screenshot in cui Peterson mostra la mano piena di aculei

Seguirono video del tipo «Punto da uno scorpione!» o «Il morso della testuggine azzannatrice!».». Quest’ultimo ottenne oltre 27,5 milioni di visualizzazioni. Il grande successo però è arrivato quanto Peterson si è dato alla cosiddetta scala del dolore delle punture di insetto di Schmidt. L’entomologo Justin O. Schmidt la creò per classificare l’intensità del dolore provocato dalla puntura di vari insetti.

Peterson e il suo team hanno quindi testato animali quali le formiche di fuoco, i calabroni e il massimo del massimo dell’indice di Schmidt: la famigerata formica proiettile, anche detta formica delle 24 ore, perché la sua puntura fa male per 24 ore appunto. Schmidt definì la sua puntura come «lo tsunami del dolore». Più i dolori erano intensi, più visualizzazioni ottenevano i video di Peterson. 

Ma quanto si può guadagnare in questo modo? Il solo filmato con la formica proiettile è stato visto oltre 40 milioni di volte, il che solitamente permette di intascarsi tra i 20'000 e i 161'000 franchi. Con oltre 13 milioni di follower e una decina abbonante di video con più di 30 milioni di visualizzazioni, il potenziale d’incasso non è niente male.

Foto di puntina di un giradischi su un disco in vinile

I dischi in vinile sono di nuovo redditizi

Il CD è sul letto di morte. Fra cinque anni al massimo, i servizi di streaming domineranno il mercato della musica. Dalla sua tomba sta tuttavia risorgendo il disco in vinile e persino le grandi imprese ricominciano a investire in questo settore.