Perché non ci preoccupiamo della nostra previdenza

Una giovane coppia su un ponticello

Perché non ci preoccupiamo della nostra previdenza

Sono anni che nei sondaggi i giovani affermano di non credere nel futuro dell’AVS e di essere molto preoccupati per il proprio futuro finanziario. Eppure solo pochi hanno una previdenza professionale privata. Il motivo pare essere biologico. 

Perché non ci preoccupiamo della nostra previdenza?
Al momento tutti parlano di una pericolosa esplosione demografica.
Sarà anche vero per quanto riguarda il Sud del mondo, ma da noi la tendenza è ben diversa.
Il tasso di natalità è basso. Un numero sempre minore di giovani persone attive versa contributi all’AVS.
Il numero dei pensionati con una rendita AVS invece non fa che aumentare. 
Molti giovani sostengono di non credere che un giorno beneficieranno anche loro dell’AVS.
Eppure pochi di loro pensano a versare soldi in una soluzione di previdenza privata.
Il motivo è che il cervello è più bravo a ricordare avvenimenti passati positivi…
…che a figurarsi una ricompensa in un futuro lontano. 
Questa predisposizione ci porta a pensare che in qualche modo che la caveremo.
Ma se non facciamo nulla, entro il 2035 gli anziani che vivono in povertà potrebbero aumentare del 25%.

Foto di un paio di scarpe VEJA

Da dove salta fuori la moda delle scarpe VEJA?

Una scarpa da ginnastica, una missione: fare del mondo un posto un po’ migliore. I fondatori del marchio VEJA sembrano aver colto il momento giusto per il loro progetto. L’azienda ha già una cifra d’affari milionaria.