Quando le celebrità promuovono le criptovalute

Foto di Floyd Mayweather

Quando le celebrità promuovono le criptovalute

L’influencer marketing esiste da molto prima dell’avvento dei social media. Già nel XVIII secolo, il produttore di ceramiche e pioniere del marketing Josiah Wedgwood (nonno di Charles Darwin) riuscì a ottenere l’autorizzazione da parte di Carlotta di Meclemburgo-Strelitz, all’epoca regina d’Inghilterra, a pubblicizzare una linea di prodotti utilizzando il nome della regina. L’influenza della famiglia reale britannica sulla società è ancora oggi molto alta.

Tuttavia è improbabile che la regina Elisabetta si metta a sponsorizzare le criptovalute. Dopotutto, i reali rappresentano lo Stato e le sue istituzioni, compresa la Banca d’Inghilterra, il cui direttore ha parlato dei bitcoin come di un esperimento fallito sostenendo al contempo la necessità di una maggiore regolamentazione di questi nuovi mercati. La Banca d’Inghilterra ha quindi abbandonato l’idea di lanciare una propria criptovaluta.

D’altro canto, non è detto che la Regina d’Inghilterra sarebbe stata un testimonial adatto per le criptovalute. Il cripto-investitore tipo è infatti maschio, tra i 18 e i 34 anni, diffidente nei confronti dell’establishment economico e politico. Così gli imprenditori nel campo delle blockchain e delle criptovalute, preferiscono rivolgersi a opinion maker giovani ed eccentrici.

Un esempio è il rapper Ghostface Killah, che in cambio di una partecipazione di minoranza, ha accettato di fare da testimonial a Cream Capital, una società che vuole raccogliere 30 milioni di dollari per creare una rete di bancomat basata sulla tecnologia della blockchain. Oppure Paris Hilton, che a fine estate 2017 ha annunciato di voler acquistare dei Lydian, una criptovaluta che ha progettato un programma blockchain il cui scopo è aumentare il rapporto costo-efficacia all’interno del marketing.

Floyd Mayweather, l’ex pugile professionista noto per la sua brama di denaro, in soli due mesi ha promosso ben due cripto-startup, affermando che avrebbe presto ricavato da entrambi gli investimenti una gran quantità di soldi. In occasione della presentazione di Stox.com, uno strumento di previsione degli andamenti di mercato, Mayweather ha ribadito il concetto pubblicando una sua foto su un jet privato, davanti a un tavolo stracolmo di banconote.

Il malizioso sorriso di Bill Gates

Criptovalute: progresso letale?

Il fondatore di Microsoft e super mecenate Bill Gates è scettico sulle criptovalute al punto da definirle letali. Eppure entrambi usano la stessa tecnologia.