Quanto costa veramente un indirizzo internet?

Collage di «.com», calcolatrici, maialini salvadanaio, vasetti pieni di monetine e portafogli

Quanto costa veramente un indirizzo internet?

Fino a oggi, sono stati registrati oltre 325 milioni di nomi di dominio in tutto il mondo. Il prezzo annuo per un indirizzo e-mail solitamente è di qualche franchetto. Al momento della redazione di questo articolo, un indirizzo .com presso GoDaddy, di gran lunga il maggior registrar di internet, costa 99 centesimi l’anno. Prezzo speciale.

Il sito di statistica Statista stima il volume d’affari globale del commercio online nel 2017 a circa 1,2 bilioni di franchi. Nel 2021, dovrebbero essere addirittura 1,9 bilioni. Bisogna immaginarsi internet come un grande e rumoroso mercato con un sacco di concorrenza e un’infinità di distrazioni.

Un nome di dominio che evoca le esigenze della clientela può dare un vantaggio comparativo decisivo. Benché l’anno scorso Amazon abbia superato Google come canale per le ricerche legate agli acquisti, ancora oggi il 35 per cento dei consumatori si affida al famoso motore di ricerca dalle lettere colorate.

Non sorprende quindi che alcune aziende siano pronte a pagare milioni per un indirizzo internet che sia efficace a lungo termine. Un esempio: L’indirizzo insurance.com è stato acquistato nel 2010 dalla società di marketing online QuinStreet per oltre 35 milioni di dollari.

L’azienda lo utilizza per gestirvi una piattaforma di confronto di polizze d’assicurazione, un po’ come comparis.ch. Il sito ha già permesso di assicurare più di un milione di veicoli. Le commissioni delle polizze stipulate compensano l’ingente investimento per il nome di dominio.

Per ora, il primato del dominio più caro lo detiene lasvegas.com. La città con i suoi famosissimi casinò e divertimenti nel bel mezzo del deserto del Nevada sborsa ben 90 milioni di dollari, a rate, per assicurarsi l’uso di questo indirizzo fino al 2040.

Immagine palline del lotto

Quanto costa veramente una vincita al lotto?

Ogni anno, in Svizzera si fabbricano multimilionari. A caval donato non si guarda in bocca. O forse sarebbe meglio di sì?