Quanto costa veramente un nome unico?

 Collage di testa di bebè, calcolatrici, maialini salvadanaio, vasetti pieni di monetine

Quanto costa veramente un nome unico?

«Kevin Orfeo Merlino, vieni qua subito!», si sente tutt’a un tratto tuonare nel negozio, quando i genitori hanno perso di vista il loro pupillo, partito alla ventura tra gli scaffali pieni di merci curiose.

Oppure, «Chantal-Micaela Penelope, lascia tua sorella in pace!». Oggigiorno, papà e mamme farebbero di tutto perché i loro pargoli non si confondano nella massa.

Nomi come che in generale sono molto comuni perché andavano alla grande in passato, a volte sono possono ridiventare esclusivi per quanto riguarda le nuove nascite. Nel 2016, i nomi più scelti nella Svizzera italiana sono stati Sofia, Giulia, Mia per le femmine e Leonardo, Liam ed Enea per i maschietti.

È quindi vero che alcuni nomi che andavano di moda 50 anni fa, oggi si danno solo in rari casi, ma altri, attualmente in voga, 50 anni fa non li aveva sentiti nessuno. Chissà come evolverà la tendenza fino al 2067?

Chi già oggi fatica a scegliere un nome o desidera accertarsi che il proprio bebè ne abbia uno unico, può anche fare ricorso a professionisti del campo.

Marc Hauser di Wohlen ha trasformato il problema di molti futuri genitori in un business sul quale sono usciti servizi anche nei media internazionali, il che non ha fatto che aumentare ancora la sua clientela. Hauser e il suo team chiedono la bellezza di 28'000 franchi per un nome.

Perfino Jimmy Kimmel, nella sua trasmissione serale ne ha parlato. Secondo il conduttore televisivo statunitense, il prezzo è talmente esagerato che dovrebbero comprendere anche l’educazione, il vitto e probabilmente i corsi di nuoto del bambino.

Secondo Hauser, il prezzo sarebbe giustificato in quanto per ogni nome ci vuole un centinaio di ore di lavoro: «Creiamo e facciamo ricerche in modo molto approfondito, perché non vogliamo che un bambino abbia un nome uguale o simile a quello di un’azienda o di un prodotto da qualche parte nel mondo».

L’équipe di Hauser, che crea anche nomi per prodotti e imprese, verifica quali significati e quali connotazioni una parola potrebbe avere in qualsiasi luogo del pianeta, in modo da evitare qualsiasi rischio di cadere nel ridicolo. Vengono inoltre studiate in dettaglio anche le origini storiche di un nome, in quanto esso potrebbe essere decisivo per il successo o l’insuccesso nella vita di una persona.

Un mondo d'oro

Il penny di Gesù e l’illusione della ricchezza

Dal nome, si direbbe una moneta storica dal valore inestimabile. In realtà, si tratta di un esperimento filosofico del XVIII secolo dal risultato sbalorditivo.