Quanto costano veramente le piramidi?

Collage con piramide, calcolatrici, portamonete, vasi di vetro pieni di monete e banconote da dieci franchi.

Quanto costano veramente le piramidi?

Insieme alle altre due piramidi della spianata di Giza, si tratta dell’unica delle sette meraviglie del mondo antico a essere sopravvissuta fino a i nostri giorni. Innalzata tra il 2560 e il 2540 a.C., il tempo di costruzione della piramide di Cheope di soli venti anni appare tutt’oggi incredibile.

Considerata l’epoca antica, la costruzione di un’opera architettonicamente e logisticamente pionieristica come una piramide di circa 150 metri di altezza, composta di 2,5 milioni di blocchi di calcare è qualcosa di difficile da immaginare. I ricercatori in tecnica delle costruzioni non hanno ancora raggiunto un accordo unanime sulle esatte tecniche adoperate. Ci sono anche pseudoscienziati pronti a fornire le prove di un qualche aiuto alieno.

L’ultima teoria dibattuta a livello scientifico è quella dell’architetto francese Jean-Pierre Houdin, secondo il quale la piramide è stata costruita a partire dal centro per mezzo di una rampa a spirale. Houdin ha anche realizzato una simulazione al computer della sua teoria.

Risultato: con l’impiego di gru moderne, elicotteri, macchinari da costruzione, mezzi di trasporto motorizzati e con l’aiuto di 1500-2000 lavoratori, la piramide di Cheope potrebbe essere fedelmente riprodotta in cinque anni. Costo: circa cinque miliardi di franchi.

Foto di una scarpa rosa della Gumshoes prodotta con cicche riciclate

Wow, vecchie cicche

Chi ha già calpestato una cicca conosce la sgradevole sensazione che provoca quando si appiccica alla suola. Una ditta olandese se n’è ispirata per un’idea molto particolare.