Trovata la prima opera d’arte al computer

Foto di Andy Warhole et Debbie Harry con un computer Amiga 1000

Trovata la prima opera d’arte al computer

Ha trasformato la società consumistica e le sue icone pubblicitarie in soggetti artistici e, con l’abilità del suo marketing, ha reso la Pop Art famosa in tutto il mondo. Andy Warhol ha vissuto più che bene della sua arte, ma è dopo la morte che i suoi lavori hanno raggiunto prezzi di vendita record. Nel 2013, Silver Car Crash (Double Disaster), un’opera piuttosto macabra, è stata venduta per circa 105 milioni di dollari. A lungo spariti dalla circolazione, i primi lavori di Warhol disegnati al computer con un mouse comprendono una reinterpretazione pixelata della sua celebre zuppa in scatola Campbell e un ritratto di Debbie Harry. Se non ci si è completamente dimenticati di queste opere, è perché nel 1985 Warhol, nell’ambito di una presentazione di un prodotto, Warhol si era filmato mentre le creava. Il prodotto in questione era l’Amiga 1000, un computer della Commodore, che in quegli anni era un’azienda in competizione con la Apple, o meglio con la Macintosh.

Immagine incorniciata della versione in pixel della lattina Campbell, creata con Amiga 1000
Foto di Floyd Mayweather

Quando le celebrità promuovono le criptovalute

Quella di assumere un personaggio famoso come testimonial è una pratica ormai ben rodata. Oggi, anche le criptovalute scoprono l’influencer marketing.